Omicidio di Biancavilla, la vittima è stata fatta inginocchiare prima di essere uccisa

Il 44enne Antonio Crispi, ucciso a colpi di pietra pare sia stato obbligato a mettersi in ginocchio prima di essere massacrato. Non si conosce ancora il movente del delitto

Antonio Crsipi, 44enne titolare di un chiosco a Biancavilla, prima di essere ucciso brutalmente sarebbe stato fatto inginocchiare. Sulle ginocchia dell'uomo massacrato a colpi di pietra alla testa sarebbero stati trovati segni di escoriazione.

Il corpo della vittima è stato ritrovato nella campagne del paese, in contrada San Giovanni all'interno della sua auto.

Non si conosce ancora il movente dell'omicidio, sul quale stanno indagando i carabinieri della compagnia di Paternò. L'esame autoptico effettuato al vecchio Garibaldi di Catania dai medici legali Giuseppe Ragazzi e Claudia Tornello potrebbe fornire una svolta alle indagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento