Adrano, 75enne finisce ai domiciliari per omicidio e ricettazione

E' stato condannato per l'omicidio di Conti Taguali Sebastiano, commesso il 22 settembre del 2007 a Bronte e per il reato di ricettazione

 Pietro Santangelo, 75enne di Adrano, andrà in carcere per scontare 2 anni e 8 mesi di reclusione. Pena residua disposta dal tribunale di Catania per l'omicidio di Conti Taguali Sebastiano, commesso il 22 settembre del 2007 a Bronte e per il reato di ricettazione. Il giudice ha disposto la custodia ai domiciliari, in ragione anche dell'età avanzata dell'uomo.

All'epoca dei fatti, maturati in un contesto rurale per incomprensioni sul bestiame, l'uomo si costituì ai carabinieri del commissariato di Randazzo confessando di aver ucciso un pastore con numerosi colpi d'arma da fuoco. Pietro Santangelo aveva già alle spalle una condanna a 22 anni di carcere per omicidio, mentre Taguali era un pregiudicato con legami di parentela ad un esponente di spicco del clan dei Batanesi di Tortorici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento