rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca

Donna trovata senza vita a Macchia di Giarre: fermato il marito

E' stato fermato per omicidio il marito 40enne di Debora Pagano, il cui corpo è stato trovato dai carabinieri del comando provinciale di Catania nella loro abitazione di Macchia, frazione di Giarre, in via Principessa Mafalda

E' stata disposta l’autopsia sul corpo di Debora Pagano, la donna di Letojanni trovata morta ieri nella sua casa di Macchia di Giarre.

Ancora non sono chiare le dinamiche dell'accaduto, nessuna ipotesi sembra per ora essere stata esclusa. Secondo le prime indiscrezioni, sarebbe stato il marito a dare l’allarme dopo averla trovata morta in bagno. Debora, 32 anni, potrebbe essere morta due giorni prima rispetto alla denuncia.

Al vaglio degli inquirenti, coordinati dalla procura di Catania diretta da Carmelo Zuccaro, c’è in queste ore proprio la posizione del marito, un quarantenne già noto alle forze dell’ordine, Leonardo Fresta, con gravi precedenti penali anche per mafia, che si trova ancora in caserma dopo il lungo interrogatorio di ieri. L'uomo è assistito dall'avvocato Salvatore La Rosa. "Il mio assistito ha trovato la moglie morta a casa venerdì sera ma ha avvertito il 118 soltanto ieri. E' rimasto due giorni sotto choc senza riuscire a capire cosa fosse successo e neppure lui sa spiegare bene il perchè", ha detto il legale all'Ansa. "Per quello che risulta a noi la famiglia non aveva problemi e nessun contrasto c'era stato tra i due coniugi, che vivevano una relazione tranquilla", ha aggiunto rispondendo ai dubbi sulla possibilità che la morte di Debora Pagano sia riconducibile all'ennesimo femminicidio

Attonita la comunità di Letojanni che si è stretta attorno alla famiglia della vittima, molto nota nel piccolo comune jonico dove gestiscono un negozio di fiori e dove Debora, aveva frequentato l'istituto professionale per i servizi turistici. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna trovata senza vita a Macchia di Giarre: fermato il marito

CataniaToday è in caricamento