Omicidio Fava, corteo ed assemblea contro la mafia catanese

ORE 10 Mattinata popolare e colazione sociale a Il Giardino di Scidà - Bene confiscato alla mafia in via Randazzo 27, Catania. ORE 16 Corteo da piazza Roma, Catania. ORE 17 arrivo in corteo al presidio alla lapide di Giuseppe Fava. ORE 18 Premio Fava a cura della Fondazione Giuseppe Fava. ORE 20,30 ASSEMBLEA presso il G.A.P.A (Giovani assolutamente per agire), via Cordai 47, Catania

Riceviamo e pubblichiamo la nota con la quale il periodico I Siciliani giovani annuncia il corteo e l'assemblea contro le mafie, in ricordo dell'omicidio del giornalista Pippo Fava.

"I politici che hanno amministrato Catania negli ultimi trent'anni hanno bruciato un miliardo e seicento milioni di euro. Con quei soldi avremmo potuto gestire gli asili nido, dare case a ogni famiglia, costruire scuole sicure e campi sportivi in ogni quartiere. Oggi lo dicono i giudici, per anni lo abbiamo detto noi. Mario Ciancio, padrone de La Sicilia, ci ha sottratto centocinquanta milioni di euro, e chissà quanto altro. Ha preso i soldi e li ha portati in Svizzera e in Lussemburgo. Era amico dei mafiosi, come i cavalieri, e gli faceva propaganda e ci faceva affari".

"Per questo gli è stato confiscato il giornale ed è stato giudicato socialmente pericoloso. Oggi lo dicono i giudici, per anni lo abbiamo detto noi. I boss dettano legge nei quartieri, inondano la città di cocaina e eroina, mettono armi in mano ai ragazzini e stecche d’erba in mano agli sbandati: carne da macello da fare arrestare o uccidere fra di loro. In questa città “fallita”, da cui in tanti scappano, noi ricostruiremo la speranza, la dignità e il sorriso. Con Giuseppe Fava, ucciso il 5 gennaio 1984 perché difendeva Catania dai potenti e dai mafiosi".

"Il cinque gennaio non c’è posto per assessori e politici, di oggi o di ieri, nè per i collaboratori di Ciancio, che ancora osano prendere le sue difese: ma solo per i catanesi onesti, per i cittadini liberi, per i giovani coraggiosi. A loro e soltanto a loro ci rivolgiamo: avanti uniti, senza paura, sulla strada dei Siciliani e di Giuseppe Fava".

"Fra l'anima disperata e criminale che popola il sud di Catania - scriveva Giuseppe Fava - dal quartiere della Marina, fino alle colline di corso Indipendenza e Monte Po, e l'altra anima potente e tremebonda che ha trasformato la zona pedemontana in una immensa città giardino, vive ancora, per fortuna, la terza anima di Catania, la più vera ed autentica, quella che lavora per tutti. Gli artigiani, i piccoli negozianti, i contadini, gli operai, i piccoli impiegati, la moltitudine di merciai, commercianti, bottegai. L'antica anima ridente e sfottente di Catania, che paga per tutti, che lavora, soffre, e riesce ancora a ridere per tutti. E a tutti contagia questo riso, allo speculatore edile e allo scippatore, al primario ed al rapinatore, al presidente dell'ente pubblico e al disoccupato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento