Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Omicidio Giordana, sentenza fissata per il 7 novembre

L'udienza finale a carico di Luca Priolo, l'ex di Giordana Di Stefano che ha ucciso la giovane mamma con 48 coltellate è stata rinviata. Il pm Alessandro Sorrentino ha chiesto la condanna all'ergastolo

Sarà emessa il 7 novembre la sentenza del processo col rito abbreviato condizionato a perizia psichiatrica a Luca Priolo, il 26enne che il 6 ottobre 2015 ha ucciso con 48 coltellate la sua ex convivente, Giordana Di Stefano, 20 anni, dalla quale aveva avuto una bambina di 4 anni.

Nel processo sono parti civili i genitori, la sorella e la figlia di Giordana Di Stefano, che , grazie alla battaglia condotta dalla nonna Vera Squatrito ha assunto il cognome della madre, assistiti dall'avvocato Ignazio Danzuso, e dal centro antiviolenza 'Galatea', con l'avvocato Mirella Viscuso.

Il pm Andrea Sorrentino ha chiesto la condanna all'ergastolo. Priolo, che ha confessato il delitto, dopo l'omicidio era fuggito ma, grazie a indagini dei carabinieri di Catania, era stato individuato a Milano e arrestato da militari dell'arma alla stazione ferroviaria.

Il giovane continua a negare di aver premeditato il delitto, affermando di averlo compiuto in preda ad un "raptus", proprio 24 ore prima della prima udienza per stalking a suo carico.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Giordana, sentenza fissata per il 7 novembre

CataniaToday è in caricamento