Vigilantes uccise ventiduenne al Maas, giudizio immediato

La prima udienza del processo si terrà l'1 luglio prossimo davanti la Corte d'assise di Catania. Si costituiranno parte civile il padre della vittima Vincenzo Giuffrida, la madre Giovanna Mirabella, il fratello Agatino e la sorella Anna. La famiglia è rappresentata dallo studio legale Lipera

Il Gip di Catania, Rosa Alba Recupido, ha disposto il giudizio immediato per omicidio del vigilantes Graziano Longo Minnola, di 35 anni, accusato di avere ucciso con un colpo di pistola Giuseppe Giuffrida, 22 anni, il 4 ottobre del 2012, ai Mercati agro alimentari Sicilia.

La sparatoria avvenne all'ingresso del Maas il 3 ottobre del 2012: durante una violente lite Longo Minnolo avrebbe esploso un colpo all'addome con la sua Glock 19 calibro 9per21 in dotazione per il servizio di vigilanza. Il 22enne mori' il giorno dopo in ospedale.

La prima udienza del processo si terrà l' 1 luglio prossimo davanti la Corte d'assise di Catania. Si costituiranno parte civile il padre della vittima Vincenzo Giuffrida, la madre Giovanna Mirabella, il fratello Agatino e la sorella Anna. La famiglia è rappresentata dallo studio legale Lipera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento