menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Ilardo, confermati anche in Cassazione 4 ergastoli

Diventano definitive le condanne all’ergastolo per Giuseppe Madonia, Vincenzo Santapaola, Maurizio Zuccaro e Benedetto Orazio Cocimano per il concorso nell’omicidio di Luigi Ilardo avvenuto il 10 maggio 1996

Diventano definitive le condanne all’ergastolo per Giuseppe Madonia, Vincenzo Santapaola, Maurizio Zuccaro e Benedetto Orazio Cocimano per il concorso nell’omicidio di Luigi Ilardo avvenuto il 10 maggio 1996. I giudici di piazza Cavour hanno confermato anche le aggravanti della premeditazione, dei motivi abbietti e della finalità di agevolazione dell’associazione per delinquere di stampo mafioso di Cosa Nostra. Ilardo, cugino del boss Giuseppe Piddu Madonia, venne assassinato perché Cosa nostra scoprì che aveva l'intenzione di collaborare con la giustizia. Ilardo aveva avviato una interlocuzione con il colonnello dei carabinieri Michele Riccio, informandolo di summit di mafia ma la criminalità organizzata non lo perdonò e organizzò la sua uccisione a poche ore dal suo ingresso nel programma di protezione. Forse una talpa avvertì i mafiosi della presenza di Ilardo a Catania. 

I supremi giudici hanno respinto i ricorsi degli imputati già condannati ciascuno all’ergastolo con sentenze emesse dalla Corte di Assise di Catania del 21 marzo 2017 e della Corte di Assise di Appello del 3 aprile 2019,  condannandoli anche al pagamento delle spese processuali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

Alimentazione

Ingrassare: i periodi nei quali lo si fa 'naturalmente'

social

Bonus Tv 2021: come richiederlo ed ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento