rotate-mobile
Omicidio Jenny Cantarero

Omicidio Jenny Cantarero, giallo sulla morte del presunto assassino: indagano i carabinieri

Secondo le prime ricostruzioni Sebastiano Spampinato si sarebbe sparato un colpo di pistola alla testa, anche se gli inquirenti non escludono al momento ipotesi alternative. Il cadavere è stato ritrovato in un casolare a Vaccarizzo

É di Sebastiano Spampinato il cadavere ritrovato a Vaccarizzo in via Campo di Mare. Si sono concluse così le ricerche del 30enne ritenuto l'autore del brutale assassinio di Jenny Cantarero, avvenuto lo scorso 10 dicembre a Lineri, frazione urbana al confine tra Misterbianco e Catania. Le conferme sul ritrovamento sono arrivate già dalle prime ore del mattino anche se le generalità dell'uomo sono state rese note solo in seguito.

Il luogo del ritrovamento

Secondo le prime ricostruzioni fatte dagli investigatori che si trovano sul posto per i rilievi del caso, l'uomo si sarebbe sparato un colpo di pistola alla testa, anche se gli inquirenti non escludono al momento ipotesi alternative. Il casolare dove è stato rinvenuto il corpo non era di sua proprietà. Accanto al cadavere è stata ritrovata la pistola che potrebbe essere la stessa utilizzata per assassinare Jenny: sarà una perizia balistica a stabilirlo. Sul luogo del ritrovamento, presente anche la madre di Sebastiano Spampinato: "Mio figlio era una brava persona, non è vero che era un pregiudicato. Sono state dette tante menzogne su di lui".

Trovato il cadavere del presunto assassino di Jenny

Sembra ripetersi dunque il “copione” già visto in occasione dell'omicidio di Vanessa Zappalà, la 26enne, uccisa il 22 agosto scorso ad Aci Trezza dall'ex fidanzato, Antonino Sciuto, 38 anni, che non le dava pace dopo che lei aveva troncato la loro relazione. Il pomeriggio del giorno dopo l'uomo fu trovato anche lui dai carabinieri impiccato in un casolare nelle campagne di Trecastagni. Gli inquirenti stanno verificando, alla luce dell'ipotesi dell'omicidio suicidio, se la pistola utilizzata da Spampinato sia la stessa utilizzata per colpire a morte Jenny Cantarero. Alla base del gesto ci sarebbe la fine della loro relazione, ma in queste ore gli inquirenti stanno passando a setaccio tutte le piste che potrebbero aggiungere ulteriori elementi per fare chiarezza su tutta la vicenda.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Jenny Cantarero, giallo sulla morte del presunto assassino: indagano i carabinieri

CataniaToday è in caricamento