Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Omicidio Salvatore Leanza, 5 ergastoli

Una faida mafiosa portò alla morte di "Turi Paredda" nel giugno del 2014 a Paternò

Cinque ergastoli e una condanna a 20 anni di reclusione. Questa la sentenza, emanata ieri sera, per l'omicidio di Salvatore Leanza, detto "Turi paredda" assassinato il 27 giugno del 2014 a Paternò, nel corso di una faida mafiosa.

Gli ergastoli, così come chiesto dalla pubblica accusa, sono andati ad Antonino Barbagallo, Alessandro Giuseppe Farina, Antonio Magro, Francesco Santino Peci e Sebastiano Scalia. Dovrà scontare 20 anni di reclusione Vincenzo Patti.

Nel corso dell'agguato a Leanza, avvenuto mentre si trovava in auto, la moglie rimase ferita in maniera non grave alla testa. L'uomo faceva parte del clan Alleruzzo-Assinnato ed era stato scarcerato nel 2013, con l'obbligo della libertà vigilata.

I killer che hanno fatto parte del "gruppo di fuoco" contro Leanza sono stati indicati come appartenenti al "gruppo di Paternò", riferimento territoriale della "famiglia" mafiosa Laudani.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Salvatore Leanza, 5 ergastoli

CataniaToday è in caricamento