Nigeriana uccisa al Cara di Mineo, bloccato dalla polizia il compagno della vittima

E' stato fermato alla Fiera di Catania e condotto in Questura. Sulle sue braccia sono stati trovati dei graffi, che sono al vaglio della polizia scientifica

E' stato bloccato dalla polizia di Stato alla Fiera di Catania il compagno della nigeriana di 26 anni, Francis Miracle, uccisa con un colpo di coltello alla gola nell'alloggio del Cara di Mineo. E' un cittadino che al suo sbarco in Italia ha dichiarato di avere 30 anni e di essere originario del Mali. Vive nel Nord Italia e pare fosse tornato per convincere la donna e i figli a trasferirsi da lui.

Omicidio al Cara di Mineo, uccisa 26enne nigeriana

Sulle braccia dell'uomo sono stati trovati dei graffi, che sono al vaglio della polizia scientifica. Accertamenti sono in corso anche su un coltello con macchie di sangue trovato nella cucina dell'abitazione della donna. L'uomo è stato condotto negli uffici della squadra mobile della Questura per essere interrogato come persona informata sui fatti alla presenza di un interprete.

L'omicidio è al momento senza testimoni. A dare l'allarme erano stati i due piccoli figli della vittima che hanno avvisato le assistenti del Cara di Mineo: "La mamma sta male, è a terra...". Appena arrivati i medici del presidio ne hanno accertato il decesso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Al momento c'è la posizione di una persona al vaglio dell'autorità giudiziaria. La situazione è ancora fluida". Così il procuratore capo di Caltagirone, Giuseppe Verzera, titolare dell'inchiesta sull'omicidio della donna nigeriana ha commentato la notizia relativa al compagno della vittima che si trova attualmente negli uffici della squadra mobile della Questura di Catania,  sentito come persona informata sui fatti. "Questo omicidio - aggiunge il procuratore Verzera - riconferma per l'ennesima volta che non si possono controllare 3.500 persone, come quelle che vivono nel Cara di Mineo. C'è un problema di sicurezza della struttura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento