rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Ucciso e gettato in un tombino, convalidato il fermo per il figliastro e l'amico

La decisione è del Gip del Tribunale per i minorenni di Catania che ha convalidato il fermo eseguito tre giorni fa dai carabinieri per l'omicidio del pensionato Domenico Citelli

Restano in un'istituto penale per minorenni i due ragazzi, di 15 e 16 anni, accusati di avere ucciso Domenico Citelli, 71 anni, con un colpo di fucile alla testa a Pedara e di averne poi gettato il corpo nel tombino di una vasca fognaria. 

Pedara, pensionato ucciso e gettato in un tombino

Il primo è il 'figliastro' della vittime ed avrebbe sparato un colpo di fucile alla testa dell'uomo da distanza ravvicinata.

La decisione è del Gip del Tribunale per i minorenni di Catania che ha convalidato il fermo eseguito tre giorni fa dai carabinieri ed emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. I reati ipotizzati, su richiesta della Procura per i minorenni di Catania, sono omicidio premeditato aggravato dai futili motivi e occultamento di cadavere. Durante l'interrogatorio di garanzia i due hanno confermato la confessione resa prima davanti ai militari dell'arma e poi davanti al procuratore Caterina Ajello e al sostituto Valentina Perri.

La posizione del 16enne è considerata defilata rispetta a quella del 15enne, che è figlio della moglie romena della vittima che da tempo non vive più nella villa di Pedara. Il cadavere di Domenico Citelli, dirigente della Regione Siciliana in pensione, è stato trovato tre giorni fa, ma secondo quanto accertato la morte del 71enne risalirebbe al 2 ottobre scorso. L'arma utilizzata è un fucile calibro 12 legalmente detenuto dalla vittima.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso e gettato in un tombino, convalidato il fermo per il figliastro e l'amico

CataniaToday è in caricamento