Duplice omicidio nella Piana di Catania: fermato un secondo custode

La Procura di Siracusa ha emesso un provvedimento di fermo nei confronti di Luciano Giammellaro di 70 anni, custode di fondi agricoli, che secondo gli inquirenti è coinvolto nel duplice omicidio e ferimento avvenuto in contrada Xirumi

foto Ansa

La Procura di Siracusa ha emesso un provvedimento di fermo nei confronti di Luciano Giammellaro di 70 anni, custode di fondi agricoli, che secondo gli inquirenti è coinvolto nel duplice omicidio e ferimento avvenuto in contrada Xirumi, una settimana fa. La Procura per la morte di Massimo Casella, 47 anni, ed Agatino Saraniti, 19 anni, catanesi, e il ferimento di Gregorio Signorelli, 36 anni, ha arrestato Giuseppe Sallemi, 42 anni, guardiano dell'agrumeto dove le vittime si sarebbero recate per rubare arance. Sallemi ha confessato di avere sparato colpi di fucile contro i tre.

Arrivano da Gregorio Signorelli, ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Garibaldi di Catania, sopravvissuto ai colpi di fucile di Giuseppe Sallemi, le accuse a Luciano Giammellaro. 

Le indagini delle squadre mobili di Siracusa e Catania, coordinate dal sostituto procuratore Andrea Palmieri, sono continuate nella convinzione che un'altra persona fosse stata coinvolta quella notte nella sparatoria. E dal letto dell'ospedale Signorelli ha confermato i sospetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento