Cadavere ritrovato alla Plaia, è giallo: la donna uccisa è ancora senza nome

Uccisa all'interno di un bungalow di un camping del litorale della Plaia di Catania, il suo corpo poi è stato trascinato sulla spiaggia e buttato in mare da qualcuno che avrebbe tentato di cancellare le tracce dell'omicidio appiccando il fuoco all'interno della costruzione. E' la ricostruzione degli investigatori

ph

E' ancora senza nome il cadavere della ragazza ritrovato sabato mattina alla Plaia nei pressi del villaggio Turistico europeo. Gli investigatori della Squadra Mobile che svolgono le indagini, coordinate dalla Procura, in queste ore stanno compiendo analisi e verifiche tecniche per far luce sulla morte della giovane.

Uccisa all'interno di un bungalow di un camping del litorale della Plaia di Catania, il suo corpo poi è stato trascinato sulla spiaggia e buttato in mare da qualcuno che avrebbe tentato di cancellare le tracce dell'omicidio appiccando il fuoco all'interno della costruzione. E' la ricostruzione degli investigatori che indagano sulla morte della giovane donna, dell'apparente età di 30-35 anni, di razza caucasica, con i capelli neri.

Il cadavere presentava alcune lesioni, tra cui una alla testa, che fanno pensare ad un omicidio. La Procura della Repubblica di Catania ha aperto un fascicolo per omicidio e le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Giovannella Scaminaci. Sulla vicenda gli investigatori mantengono il più stretto riserbo. A segnalare la presenza in mare del corpo sono stati alcuni pescatori ai vigili del fuoco che stamane erano intervenuti per spegnere le fiamme nel bungalow, lo stesso dove sarebbe stato commesso l'omicidio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli investigatori, alla ricerca di un possibile collegamento tra l'incendio e il ritrovamento del corpo, hanno da subito privilegiato la pista dell'omicidio e non quella della morte accidentale, anche a causa delle ferite trovate sul cadavere. Il corpo è stato recuperato dalla Capitaneria di Porto ed è' stato sottoposto a rilievi per risalire all'ora ed alle cause della morte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento