Omicidio Valentina Salamone, l'amante arrestato respinge le accuse

Incredulo di trovarsi in carcere, secondo quanto ha riferito il suo legale, Mancuso ha respinto ogni accusa escludendo che la macchia di sangue ritrovata sotto la scarpa di Valentina possa essere sua, e puntualizzando di essere sicuro di non avere perso sangue quella sera

Si è proclamato innocente Nicola Mancuso, l'uomo arrestato ieri mattina con l'accusa di aver ucciso l'amante Valentina Salomone la ragazza di 19 anni di Biancavilla trovata morta con una corda al collo la sera del 24 luglio di tre anni fa in una villetta nelle campagne di Adrano.

Assistito dall'avvocato Saro Pennisi, Mancuso, sposato e padre di tre figli, è stato interrogato in carcere per quasi tre ore dal Gup Francesca Cercone, presenti anche i pm Salvatore Scalia e Sabrina Gambino della Procura generale che hanno avocato l'inchiesta dopo che la Procura della Repubblica aveva chiesto l'archiviazione dell'indagine ipotizzando il suicidio.

Incredulo di trovarsi in carcere, secondo quanto ha riferito il suo legale, Mancuso ha respinto ogni accusa escludendo che la macchia di sangue ritrovata sotto la scarpa di Valentina possa essere sua, e puntualizzando di essere sicuro di non avere perso sangue quella sera.

L'indagato ha anche detto di essere sicuro di non essere più tornato, dopo la festa, nella villetta. L'uomo ha sostenuto che la sua relazione extraconiugale con Valentina Salomone si era conclusa senza rancori e senza mai essere stata rivelata a sua moglie, che lo ha appreso solo ora.

Mancuso ha detto anche di non essere mai stato pressato da Valentina a lasciare la sua famiglia. Il caso è stato riaperto su pressioni della famiglia della ragazza che non ha mai creduto al suicidio. La svolta è avvenuta quando i carabinieri del Ris hanno trovato una macchia di sangue con una miscela di genotipi, da cui si è risaliti a Mancuso. Secondo la procura generale avrebbe commesso l'omiocidio con l'aiuto di almeno un complice che non è stato ancora individuato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento