Omicidio Valentina Salamone, incidente probatorio: la parola ai periti

All'incidente probatorio parteciperanno anche gli esperti del Ris di Messina che su incarico della procura generale hanno svolto le perizie. Per l'incarico è stato scelto dalla magistratura Nunzio Cutuli, consulente medico del Policlinico di Catania

Continua il processo sull'omicidio di Valentina Salamone che vede imputato Nicola Mancuso, il trentenne di Adrano ritenuto uno degli autori dell'assassinio della diciannovenne.

Nel pomeriggio, infatti, su richiesta della procura generale si svolgerà l'incidente probatorio per verificare se le macchie trovate su una scarpa di Mancuso sono di natura biologica. 

All'incidente probatorio parteciperanno anche gli esperti del Ris di Messina. Per l'incarico è stato scelto dalla magistratura Nunzio Cutuli, consulente medico di genetica del Policlinico di Catania.

Intanto il collegio difensivo di Nicola Mancuso, composto dagli avvocati Salvo Burzillà e Rosario Pennisi, ha inoltrato richiesta al Tribunale del riesame di scarcerazione del proprio assistito. "Siamo convinti dell'estraneità del nostro cliente - dice l'avvocato Salvò Burzillà - per cui la nomina da parte nostra dei periti chiamati a confutare la tesi dell’accusa mira ad accertare cosa sia avvenuto realmente quella maledetta sera e potere dimostrare l'innocenza del nostro assistito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento