rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Omicidio Veronica, l'ex rimane in carcere per omicidio premeditato: lui nega

Lo ha deciso il Gip di Catania che ha accolto la richiesta di convalida presentata dalla Procura per omicidio pluriaggravato da premeditazione e crudeltà, ed emesso un'ordinanza di custodia cautelare. Il provvedimento è stato depositato stamattina dopo l'interrogatorio di garanzia

Resta in carcere il 27enne senegalese Gora Mbengue accusato di avere ucciso, il 26 ottobre scorso, con circa 60 coltellate, sferrate con violenza su molte parti del colpo, l'ex fidanzata Veronica Valenti, 30enne. Lo ha deciso il Gip di Catania che ha accolto la richiesta di convalida presentata dalla Procura per omicidio pluriaggravato da premeditazione e crudeltà, ed emesso un'ordinanza di custodia cautelare.

Il provvedimento è stato depositato stamattina dopo l'interrogatorio di garanzia che si è tenuto nel tardo pomeriggio di ieri, durante il quale Mbengue ha negato di essere uscito di casa con l'intenzione di uccidere.

LA CONFESSIONE DELL'OMICIDA

IL PADRE DI VERONICA: "LE AVEVO DETTO DI STARE ATTENTA"

La donna aveva interrotto la loro relazione e lui non si rassegnava a perderla. Domenica sera ci sarebbe dovuto essere l'incontro chiarificatore: Veronica Valenti  è arrivata davanti casa dell'ex fidanzato inviandogli un messaggio col telefonino: "Sono arrivata, scendi". Lui è entrato in auto armato di coltello e all'ennesimo rifiuto l'ha uccisa e poi è scappato. La squadra mobile ha ricostruito subito l'accaduto, e dopo avere trovato la casa del senegalese e il suo passaporto lo ha cercato e arrestato alcune ore dopo.

IL CORDOGLIO DEL SINDACO DI BELPASSO

Oggi, intanto, nella Chiesa Madre di Belpasso si celebrano i funerali della 30enne. Nel paese etneo il sindaco Carlo Caputo ha proclamato il lutto cittadino.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Veronica, l'ex rimane in carcere per omicidio premeditato: lui nega

CataniaToday è in caricamento