Coppia omosessuali aggredita in un bar di via Dusmet, Arcigay: "Pronti a reagire"

All'alba dello scorso 1 novembre una coppia di omossessuali è stata aggredita da u gruppo di ragazzi all'interno del bar "Etoile" di via Dusmet a Catania. "Mentre uno di loro era in fila per il turno - spiega il comunicato ufficiale dell'Arcigay - il primo è stato insultato con i soliti epiteti da cinque altri avventori che, come lui, erano vicini al bancone"

All'alba dello scorso 1 novembre una coppia di omossessuali è stata aggredita da u gruppo di ragazzi all'interno del bar "Etoile" di via Dusmet a Catania. "Mentre uno di loro era in fila per il turno - spiega il comunicato ufficiale dell'Arcigay - il primo è stato insultato con i soliti epiteti da cinque altri avventori che, come lui, erano vicini al bancone. Non contenti, quando questo una volta servito gli passa davanti per andarsene, gli è stato anche assestato un calcio. Il ragazzo si è quindi avvicinato al suo fidanzato per raccontare quanto accaduto e questi si è quindi avvicinato al gruppo di balordi chiedendo spiegazioni e difendendo il compagno aggredito. Davanti a tutti i balordi della comitiva hanno schiaffeggiato e insultato il secondo ragazzo nell'assoluta indifferenza dei lavoratori al bancone e di un cassiere che, in base alle dichiarazioni dei ragazzi aggrediti, avrebbe potuto non essersene accorto a causa della folla".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Catania sta vivendo un periodo buio, dobbiamo dircelo e dobbiamo dirlo alla e nella nostra Comunità. Dobbiamo stare all'erta e dobbiamo essere pronti a reagire. Non crediamo che il boicottaggio sia l'arma migliore- conclude l'associazione per la tutela dei dirtti degli omosessuali - nel senso del “cambiare aria e zona”, perché il risultato sarebbe la vittoria di quei balordi che hanno agito violenza sul nostro amico e compagno. Ma sarebbe altrettanto ingiusto continuare a dare soldi a chi assiste indifferente alla violenza perpetrata contro chiunque"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

Torna su
CataniaToday è in caricamento