Operazione antidroga "Leo 121": arrestato 37enne catanese

Un mese fa era evaso dalla comunità in cui era recluso ai domicilari. Dovrà scontare 13 anni di carcere

I carabinieri di Ognina hanno arrestato il 37enne catanese Andrea Musumeci, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dalla Corte di appello di Catania. Recluso ai domiciliari nella comunità “La Forza” di Calatafimi , all’inizio dello scorso aprile, dopo essersi allontanato arbitrariamente dalla struttura, si era reso irreperibile fino al 12 aprile quando i militari lo hanno rintracciato ed arrestato.

Ricollocato agli arresti domiciliari nella stessa struttura, su richiesta dei carabinieri  di Calatafimi, il 2 maggio scorso è stato destinatario di un provvedimento restrittivo in carcere, emesso per inasprimento del regime detentivo, con conseguente trasferimento nel carcere di Trapani e successivamente in quello di Caltanissetta.

L’uomo, catturato nel gennaio 2014 nell’ambito dell’Operazione “Leo 121”, grazie alla quale i carabinieri di Catania smantellarono un' organizzazione criminale dedita al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere San Giovanni Galermo, è stato riconosciuto colpevole dai giudici della Corte di appello di Catania e condannato ad una pena di 13 anni e quattro mesi di reclusione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento