Cronaca

Operazione "Cocorito" della Dda etnea, arrestati a Lecce due latitanti

I due erano ricercati per traffico internazionale di stupefacenti nell’ambito dell'operazione condotta dal Gico della Guardia di Finanza etnea, ed erano fuggiti dall’isola per sottrarsi alla cattura

Lo scorso 1 giugno, i militari del Gico del nucleo di polizia economico finanziaria della guardia di finanza di Lecce, nel corso di un servizio di prevenzione e repressione dei traffici illeciti nel territorio salentino, hanno arrestato due latitanti: H. J., detto “Juli”, nato in Albania il 31 ottobre 1987 e K. I. detto “Endri”, nato in Albania il 03 maggio 1987, sfuggiti ad una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Catania, nell'ambito della recente operazione "Cocorito" della Dda di Catania su traffico internazionale di sostanze stupefacenti. I militari del comando provinciale di Lecce, in occasione di un controllo, fermata l’autovettura sulla quale viaggiavano i due latitanti lungo una delle principali vie della città di Scorrano, si sono insospettiti per via dell’atteggiamento irrequieto manifestato da uno di loro. Gli uomini, alla richiesta di fornire le proprie generalità, hanno esibito due passaporti albanesi, ma i finanzieri del Gico non si sono fatti ingannare dalla buona fattura dei documenti e hanno deciso di approfondire il controllo. Infatti, nel corso della successiva perquisizione degli effetti personali e della vettura, sono emerse altre due carte di identità albanesi con le medesime foto dei fermati, ma con generalità differenti. I due uomini sono quindi stati accompagnati in caserma dai militari che hanno accertato le loro esatte identità mediante l’esame delle impronte digitali. La comparazione dei dati biometrici non ha lasciato adito a dubbi, i due erano ricercati per traffico internazionale di stupefacenti nell’ambito dell'operazione "Cocorito" della Dda di Catania, condotta dal Gico della Guardia di Finanza etnea, ed erano fuggiti dall’isola per sottrarsi alla cattura. È stato anche individuato il nascondiglio dei due fuggitivi in un “B&B”nelle campagne circostanti il paese di Scorrano ed accertato, a seguito di una accurata perquisizione, che entrambi erano in procinto di far perdere le loro tracce utilizzando i documenti falsi di cui erano in possesso per riparare nel Paese delle Aquile. I due latitanti, tratti in arresto, sono stati condotti presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione "Cocorito" della Dda etnea, arrestati a Lecce due latitanti

CataniaToday è in caricamento