Cronaca Corso Italia / Piazza Giovanni Verga

Operazione Efesto: salvati dai killer grazie all'arresto

Il blitz di questa mattina ha permesso di salvare la vita a L.S. e S.G. , destinati ad essere uccisi, per uno sgarro. 11 fermi, tutti indagati per associazione mafiosa

I carabinieri del Ros di Catania hanno eseguito a Catania 11 fermi, tutti indagati per associazione mafiosa, e che apparterrebbero a due gruppi dello stesso clan che stavano per dare vita a una nuova sanguinosa guerra criminale. I provvedimenti sono stati emessi dalla locale Procura Distrettuale Antimafia. Al centro delle indagini del R.o.s., le dinamiche associative di Cosa Nostra Etnea e soprattutto azioni di fuoco già pianificate e riconducibili a tensioni interne tra la componente dei Mirabile e quella di Giuseppe Ercolano e Benedetto Santapaola.

"Non c'e' ancora - ha detto il procuratore Salvi - un provvedimento cautelare nei loro confronti, perchè si tratta di un fermo d'urgenza. Siamo dovuti intervenire per evitare che ci potesse essere spargimento di sangue". Come ha spiegato Salvi in conferenza stampa, la vicenda si ricollega all' operazione Dioniso: "Si tratta di una situazione in contino mutamento che stiamo monitorando costantemente".

Le indagini hanno permessso di accertare gli attriti all'interno del gruppo Ercolano-Mangion, in collegamento con i figli di Nitto Santapaola, ed i fratelli Antonino e Salvatore Santapaola, vicini alla famiglia Mirabile. Il blitz di questa mattina, ha permesso di salvare la vita a L.S. e S.G. , destinati ad essere uccisi, per uno sgarro.

Un tempo appartenenti al gruppo dei Mirabile e successivamente passati al clan opposto, i Killer, secondo gli investigatori "erano in attesa del nulla osta", che doveva partire dal reggente della famiglia, l' ergastolano Giuseppe Mirabile che dal carcere ne parlava con i familiari. Il motivo sarebbe da collegare per il controllo del territorio nel calatino. Alla conferenza stampa hanno preso parte il procuratore capo Giovanni Salvi, il comandante provinciale dei Carabinieri Giuseppe La Galla, il generale Parente, vice comandante dei Ros, e il comandante dei Ros di Catania il maggiore Lucio Arcidiacono .

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione Efesto: salvati dai killer grazie all'arresto

CataniaToday è in caricamento