Operazione "Poseidon", truffa fondi pesca: rinvio a giudizio per sei persone

L'inchiesta "Poseidon" della Procura di Catania - sfociata nel rinvio a giudizio di sei persone per una presunta truffa all'Ue da 2,6 milioni di euro- riguarda il Patto integrato territoriale (Pit) 30, un bando Por Sicilia 2000-2006, pubblicato nel 2004

L'inchiesta "Poseidon" della Procura di Catania - sfociata nel rinvio a giudizio di sei persone per una presunta truffa all'Ue da 2,6 milioni di euro- riguarda il Patto integrato territoriale (Pit) 30, un bando Por Sicilia 2000-2006, pubblicato nel 2004. Un settimo imputato, Gaetano Leotta, è stato assolto in sede di giudizio abbreviato, ma dalla sentenza sarebbero emerse  l'indicazione di responsabilità la cui posizione sarà vagliata dalla magistratura.

Per altri due indagati, Stefania Massimino e Antonino Moschetto, l'Ufficio giudiziario, dopo l'interrogatorio di garanzia, ha avanzato richiesta di archiviazione. E' quanto precisato dalla Procura di Catania con una nota. I rinviati a giudizio davanti al Tribunale per l'udienza del prossimo 7 ottobre, sono Antonino Felice Catara (ex presidente del Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia), Laura Gulizia (dipendente del Comune di Aci Castello), Salvatore Li Calzi (imprenditore e consulente d'impresa), Pasquale Maggiore (titolare dell' azienda Mcq di Palermo e ritenuto "mente" di tutto il sistema), Orazio Gaetano Puglisi (ex presidente del Consorzio Catania Ricerche) e Francesco Giovanni Riccioli (titolare di un' azienda e consulente dei progetti).

Le indagini sul sostegno del settore della pesca nei Comuni appartenenti al 'Patto delle Acì e in particolare sulla creazione di un marchio di qualità del pescato, sono state delegate alla sezione di Polizia giudiziaria della guardia costiera e dalla capitaneria di porto di Catania.  

Come precisato dalla Procura, le indagini si sono concluse nell'aprile del 2013 con il deposito della comunicazione di notizia di reato a seguito della quale sono stati iscritti nel registro degli indagati nove persone che hanno avuto notificato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari in tempi brevissimi, in considerazione della necessità di evitare il decorso dei termini di prescrizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, nuova ordinanza regionale: ecco le restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento