Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Caltagirone

Operazione "Requiem": uno degli indagati rubava i farmaci dell’ospedale per rivenderli al mercato nero

I dati acquisiti dalla Banca Dati Nazionale del Farmaco, grazie anche alla collaborazione dell’Asp di Catania, hanno consentito ai militari dell’Arma di disvelare la grave condotta inizialmente ipotizzata a carico dell’indagato, il quale non poteva possedere tali farmaci, salvo esserne venuto in possesso con modalità fraudolente e clandestine

Durante gli arresti a seguito dell'operazione "Requiem" dello scorso 25 maggio, uno dei destinatari dei provvedimenti cautelari è stato trovato in possesso di una considerevole quantità di farmaci sui quali non ha saputo fornire sufficienti giustificazioni circa la loro detenzione. Nella circostanza, considerato altresì che i farmaci sono apparsi principalmente destinati all’utilizzo in ambito ospedaliero, si è proceduto al loro sequestro. I carabinieri, delegati dal magistrato titolare dell’indagine della Procura della Repubblica calatina, con l'aiuto dei colleghi del Nas di Catania, hanno provveduto a catalogare i farmaci, per lotto, scadenza, tipologia, fustella e targatura. L’indagine ha dimostrato, senza alcun dubbio, che su un totale di 92 farmaci sottoposti a sequestro, ben 71 sono risultati essere stati acquistati dall’Asp di Catania; in particolare, gli ulteriori approfondimenti hanno consentito di accertare che proprio l’ultimo quantitativo, non solo era stato acquistato dall’Asp di Catania, ma era destinato specificamente al nosocomio di Caltagirone e in minima parte ad altri presidi ospedalieri facenti riferimento sempre all’Asp del capoluogo etneo. Tra i tanti farmaci sequestrati, gli investigatori hanno notato come fosse prevalente la presenza di farmaci aventi come principio attivo il “Diazepam”, notoriamente utilizzato come antidepressivo, il cui utilizzo/vendita è possibile solo dietro rigorosa prescrizione medico-specialistica. I dati acquisiti dalla Banca Dati Nazionale del Farmaco, grazie anche alla collaborazione dell’Asp di Catania, hanno consentito ai militari dell’Arma di disvelare la grave condotta inizialmente ipotizzata a carico dell’indagato, il quale non poteva possedere tali farmaci, salvo esserne venuto in possesso con modalità fraudolente e clandestine solo in ragione del proprio ufficio, ossia quello di essere un dipendente dell’Asp. Ulteriori accertamenti sono in corso al fine di accertare l’eventuale presenza di complici e/o concorrenti nel reato, oltre al coinvolgimento di terzi nel mercato clandestino di farmaci da destinare, per esempio, alle Rsa, nonché tipizzare anche i farmaci non acquistati dall’Asp ma di cui l’indagato è stato trovato in possesso, verosimilmente perché acquisiti attraverso prescrizioni mediche mendaci e/o irregolari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione "Requiem": uno degli indagati rubava i farmaci dell’ospedale per rivenderli al mercato nero

CataniaToday è in caricamento