Osapp (sindacato polizia penitenziaria): "Direzione Catania-Bicocca 'disarma' agenti"

La denuncia del sindacato che afferma che gli agenti in servizio nel nucleo operativo delle Traduzioni non possono accedere alla casa circondariale, in una zona senza detenuti, in possesso dell'arma di ordinanza

Agenti di polizia penitenziaria in servizio nel nucleo operativo delle Traduzioni (trasferimenti di detenuti) non possono accedere alla casa circondariale di Catania-Bicocca, in una zona senza detenuti, in possesso dell'arma di ordinanza. Lo afferma Leo Beneduci, segretario nazionale dell'Organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria (Osapp) che sulla vicenda chiede "correttivi da porre in essere con la massima celerita'" e annuncia "una manifestazione pubblica per il prossimo 31 ottobre a Catania".

Secondo il sindacalista l'iniziativa del carcere è frutto di "una specifica disposizione della direzione" dell'istituto penitenziario ed e' "stata emanata con la 'scusa' del grave fatto accaduto nella Questura di Trieste".

"In piu' di 20 anni di attivita' dell'Osapp - osserva Beneduci - non è mai capito capitato di dover intervenire perchè si é impedito, mediante ordine di servizio, agli appartenenti al corpo di accedere in un istituto penitenziario (non in reparti detentivi) sprovvisti del proprio armamento di ordinanza". La lettera di protesta e' stata inviata anche al Dap e al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento