rotate-mobile
Cronaca Bronte

Bronte, potenziamento ospedale Castiglione Prestianni: chiesto incontro con l'assessore

I sindaci di Bronte, Maletto, Maniace e Randazzo pianificano la “battaglia” che intendono combattere per potenziare i servizi offerti dal presidio ospedaliero

L’incontro dei sindaci del comprensorio nord ovest dell’Etna in ospedale per gli auguri di fine anno si è trasformato nel più proficuo degli incontri per pianificare la “battaglia” che i primi cittadini intendono combattere per potenziare i servizi offerti dal Castiglione Prestianni. Ospiti del direttore sanitario dell’ospedale, Salvatore Pillera, i sindaci di Bronte, Maletto, Maniace e Randazzo, rispettivamente Pino Firrarello, Pippo De Luca, Francesco Sgroi e Franco Parasiliti hanno deciso di chiedere udienza all’assessore Giovanna Volo. Presenti al vertice gli assessori alla Sanità di Bronte e Randazzo, Angelica Prestianni e Enrichetta Giardina, altre al consigliere comunale di Randazzo, la dottoressa Maria Mancuso.

“Noi – ha esordito il sindaco Firrarello – negli ultimi anni abbiamo chiesto il potenziamento dei servizi dell’ospedale a servizio di un territorio vasto che comprende oltre 50 mila residenti. Oggi non chiediamo solo questo. Chiediamo alla Regione siciliana di porre fine alla irritante discriminazione che esiste nei confronti dei territori di periferia. La carenza dei servizi negli ospedali come quello di Bronte è derivata anche a causa della mancanza di medici, quando nelle aziende ospedaliere di Catania i medici nei reparti sono in esubero. Un problema che da una parte deve risolvere il Governo centrale, eliminando il numero chiuso nelle Facoltà di Medicina, dall’altra deve affrontare la Regione perché non ci possono essere 50 cardiologi in servizio al Policlinico quando Bronte non riesce a garantire i turni. Per questo ho proposto ai sindaci di chiedere con urgenza un incontro con l’assessore regionale, Giovanna Volo”.

E la proposta di interloquire presto direttamente con l’assessore è stata accolta dagli altri sindaci. “È una questione di giustizia sociale. – spiega Pippo De Luca, sindaco di Maletto – Sono parecchie le cose che vanno riequilibrate nel territorio. Il personale in primis, ma anche i servizi ospedalieri. Come può la rete ospedaliera prevedere tanti ospedali a Catania distanti fra loro pochi chilometri, gli ospedali di Paternò ed Acireale che sono vicinissimi al Cannizzaro ed al Garibaldi e contemporaneamente lasciare scoperto l’intero territorio nord dell’Etna distante dal centro a causa di una difficile viabilità?” “La Sanità è un servizio essenziale che deve essere garantito. - afferma Franco Parasiliti sindaco di Maniace – I potenziali pazienti di Maniace devono già raggiungere Bronte, se poi devono essere ulteriormente trasferiti altrove i problemi aumentano. All’assessore Volo intendiamo manifestare un concetto: il diritto alla Salute non può avere deroghe nelle periferie”. “Lo scorso anno per me – ha concluso il sindaco di Randazzo Sgroi – era prioritario potenziare il Poliambulatorio della mia Città. Raggiunto l’obbiettivo posso adesso è il momento di difendere l’ospedale. Dobbiamo evitare l’emorragia di medici verso altri ospedali ed insieme noi 4 sindaci faremo il possibile per difendere la struttura ospedaliera”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bronte, potenziamento ospedale Castiglione Prestianni: chiesto incontro con l'assessore

CataniaToday è in caricamento