Ospedale di Caltagirone allo sfascio, ascensori e montalettighe guasti

"Il fatto più grave riguarda i guasti agli ascensori", afferma Francesco Di Masi segretario aziendale NurSind Asp Catania

"Vergognosi ed allarmanti segni di degrado interessano il P.O. Gravina di Caltagirone. Ma il fatto più grave riguarda i guasti agli ascensori", afferma Francesco Di Masi segretario aziendale NurSind Asp Catania. Da oltre tre mesi i montalettighe, destinati al trasporto dei pazienti in barella, sono fuori uso.

"Troviamo scritto 'fuori servizio' – afferma ancora Di Masi che a nome del Nursind, sindacato delle professioni infermieristiche, da tempo invia segnalazioni - l'unica giustificazione da parte dell'azienda è che devono arrivare i pezzi di ricambio. Certo la dirigenza così non ci rassicura".

Gli infermieri devono inventare percorsi alternativi, attraversando altri reparti, per raggiungere la vera destinazione dei pazienti. Cosa ancora più grave si utilizzano gli stessi montalettighe per trasportare pazienti e salme verso l’obitorio con "possibili conseguenze che è meglio tacere", continua il rappresentante NurSind.

La ditta che si occupa della manutenzione degli ascensori dista oltre 45 minuti di strada "Se si dovessero bloccare con dentro i pazienti cosa succederebbe?" si domanda Di Masi. "Giacché abbiamo più volte denunciato, questa volta abbiamo inviato una missiva al Ministro della salute con un appello affinché si possa intervenire per la pronta risoluzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento