rotate-mobile
Cronaca

Ospedale Cannizzaro, da giovedì accesso dal nuovo Triage

Lo spostamento si è reso necessario per consentire lo svolgimento dei lavori di rifunzionalizzazione gestiti dalla struttura commissariale per l’emergenza Covid, soggetto attuatore della Regione Siciliana, nell’ambito del potenziamento della rete ospedaliera

Sarà operativa da dopodomani, giovedì 27, la nuova organizzazione del Pronto Soccorso generale dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro, con accesso dal Triage a fianco a quello del Pronto soccorso pediatrico. Lo spostamento si è reso necessario per consentire lo svolgimento dei lavori di rifunzionalizzazione gestiti dalla struttura commissariale per l’emergenza Covid, soggetto attuatore della Regione Siciliana, nell’ambito del potenziamento della rete ospedaliera.

La rimodulazione degli spazi interni e le opere di adeguamento dell’area esterna, realizzate dall’Azienda, permetteranno di mantenere gli standard di funzionalità nel corso dei mesi necessari al completamento degli interventi. Nella fase iniziale della riorganizzazione, l’Azienda si avvarrà del potenziamento del servizio di vigilanza e del supporto da parte degli addetti alla sosta e alla viabilità interna, anche in considerazione delle limitazioni degli spazi a disposizione dell’utenza in quanto occupati dall’area di cantiere.

"Insieme con i tecnici, con il personale dell’area dell’emergenza-urgenza e con i responsabili delle ditte a vario titolo coinvolte – spiega Salvatore Giuffrida, direttore generale dell’Azienda Cannizzaro – sono stati definiti e condivisi nuovi percorsi. L’Azienda, nella consapevolezza del ruolo del suo Pronto Soccorso nel territorio, che è di riferimento per l’emergenza, si è impegnata a garantire il miglior funzionamento possibile della temporanea rimodulazione. Ringrazio sin d’ora tutti gli operatori impegnati in questo complesso intervento e confido nella massima collaborazione da parte degli utenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale Cannizzaro, da giovedì accesso dal nuovo Triage

CataniaToday è in caricamento