menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due pregiudicati aggrediscono un dirigente del Garibaldi per vedere un parente con Covid19

Per i due fratelli è scattata subito la denuncia. Considerata la gravità dei fatti, la questura sta valutando l’avvio di procedimenti volti all’applicazione di misure di prevenzione

Nei giorni scorsi, gli agenti del commissariato Centrale hanno denunciato L.A.G. ed il fratello L.C per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, percosse in concorso e lesioni personali con l’aggravante di avere agito in danno di esercenti le professioni sanitarie. I due fratelli, infatti, nella più assoluta mancanza di rispetto della normativa antiCovid e di qualsiasi senso di responsabilità nei confronti della collettività, hanno tentato di introdursi all’interno del reparto Covid-19 dell’ospedale Garibaldi Centro, per raggiungere un parente ricoverato, quando un dirigente medico li ha richiamati invitandoli ad allontanarsi.

Questi però, per tutta risposta, non solo hanno impedito la chiusura del reparto, ma dopo essersi introdotti al suo interno hanno aggredito il responsabile sanitario con schiaffi e calci. L'uomo è riuscito a divincolarsi grazie all’intervento degli altri colleghi. I due aggressori, invece, sono riusciti ad allontanarsi facendo perdere le proprie tracce. Il medico aggredito ha subito sporto denuncia riferendo di aver riportato lesioni con una prognosi di 10 giorni.

Dopo la denuncia, la polizia ha immediatamente acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza del nosocomio ed avviato un’attività investigativa che gli ha premesso di risalire agli aggressori. Sono risultati essere parenti di una persona ricoverata nel reparto Covid19. A questa attività ha fatto seguito la testimonianza sia della persona offesa che dei vari testimoni che erano intervenuti sul posto. Si è così giunti all’identificazione certa dei due uomini, che risultavano essere i figli del paziente ricoverato. Per i due fratelli, entrambi pregiudicati, è scattata subito la denuncia. Considerata la gravità dei fatti, la questura sta valutando l’avvio di procedimenti volti all’applicazione di misure di prevenzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Ingrassare: i periodi nei quali lo si fa 'naturalmente'

Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento