rotate-mobile
Cronaca

Sanità, Fials: "Accordo al Garibaldi sui lavoratori esternalizzati"

Importanti spiragli per gli operatori sanitari catanesi di cooperative esterne che svolgono mansioni di operatore sociosanitario pur essendo inquadrati in qualifiche più basse di pulizieri

Importanti spiragli per gli operatori sanitari catanesi di cooperative esterne che svolgono mansioni di operatore sociosanitario pur essendo inquadrati in qualifiche più basse di pulizieri. Un accordo sindacale siglato con l’azienda Arnas Garibaldi consentirà a questa vasta platea alle dipendenze di ditte esterne di ottenere un punteggio aggiuntivo nei futuri concorsi ospedalieri per ogni anno di servizio svolto, con la speranza di essere finalmente inquadrati nella giusta mansione. Lo rende noto il sindacato Fials guidato da Agata Consoli che spiega come per la prima volta si sia aperto uno squarcio nella vertenza che interessa in tutta l’Isola migliaia di lavoratori e almeno 500 solo nel Catanese.


Si tratta di figure inquadrate come pulizieri ma chiamate a svolgere compiti di Oss, operatore socio sanitario, con una doppia beffa: prendono uno stipendio inferiore a quello che spetterebbe loro e sono dequalificati. “Inoltre - spiega Agata Consoli - in caso di concorso pubblico la loro attività non era neanche riconosciuta. Con questo accordo si compie un primissimo passo per il riconoscimento di queste professionalità. Sappiamo che è solo una goccia nell’oceano e che certamente tanto e tanto ancora bisogna fare, ma è importante avere mosso un primo passo. Dobbiamo innanzitutto ringraziare l’Arnas Garibaldi per aver accolto e fatto propria la nostra istanza di revoca in autotutela del bando degli Oss, in quanto mancante dei requisiti indicati dall’assessorato regionale per la validità della procedura. In questo senso, sono stati fissati i criteri per rendere i futuri bandi confacenti a quanto normativamente previsto. Speriamo, peraltro, che ciò possa servire da esempio anche per le altre aziende ospedaliere e sanitarie. Un ulteriore plauso all’amministrazione del Garibaldi va riconosciuto per aver dimostrato grande sensibilità nell’accettare l'indicazione di individuare dei punteggi da attribuire anche ai lavoratori della cooperativa esterna, per valorizzare la loro esperienza lavorativa all’interno dell’azienda stessa”.

La Fials spiega quindi che "l’odierno intervento tardivo di coloro che, tra politici e sindacalisti, avrebbero dovuto intervenire già da tempo su detta questione, evitando che la situazione si protraesse e degenerasse come accaduto, rischia di produrre ulteriori incomprensioni: comunque non è il momento di perdersi in inconcludenti rimpalli di responsabilità passate e di mancati interventi, ma è invece indispensabile un confronto serio e costruttivo tra tutti i soggetti coinvolti, allo scopo di trovare soluzioni condivise ed efficaci”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, Fials: "Accordo al Garibaldi sui lavoratori esternalizzati"

CataniaToday è in caricamento