Cronaca Paternò

Ospedale di Paternò, rischio chiusura per alcuni reparti

Sono ormai insistenti le voci. Rischiano il punto nascita e altri settori: chirurgia, otorino, ortopedia e centro trasfusionale. Dovrebbero essere piazzati all'interno del Maria Santissima Addolorata di Biancavilla

L'ospedale "Santissimo Salvatore" di Paternò al centro del ciclone. Medici e dirigenti lanciano l'allarme. Sono ormai insistenti, infatti, le voci di una imminente chiusura del punto nascita, come ampiamente previsto dal decreto regionale sulla rimodulazione della sanità. 

A rischiare, però, anche altri reparti: chirurgia, otorino, ortopedia e centro trasfusionale. Dopo aver raccolto l'invito del rappresentante sindacale della Uil, Orazio Lopis, il neo-senatore del Pdl Salvo Torrisi ha incontrato i dirigenti medici. Obiettivo: organizzare un effettivo rilancio della struttura.

Anche il sindaco di Paternò, Mauro Mangano, ha manifestato la propria intenzione di mantenere in vita il futuro del "Santissimo Salvatore"di Paternò. I dirigenti medici continuano ad esporre le proprie perplessità sul possibile depotenziamento con successiva chiusura dell'ospedale.

I reparti a rischio dovrebbero essere piazzati, una volta ultimati i lavori di ampliamento previsti per estate inoltrata, all'interno del Maria Santissima Addolorata di Biancavilla.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Paternò, rischio chiusura per alcuni reparti

CataniaToday è in caricamento