Ospedale San Marco: ancora randagi, Ricotta: "Amministrazione intervenga"

Si segnalano pericolosi branchi di randagi nella zona della nuova struttura ospedaliera e l'esponente di Catania 2.0 chiede interventi al Comune

Prosegue il problema del randagismo nella zona dell'ospedale San Marco. La nuovissima struttura ospedaliera, nel quartiere di Librino, recentemente visitata anche dal presidente della Repubblica continua ad essere teatro di vere e proprie aggressioni di branchi di cani randagi al personale medico e ai cittadini.

Già in passato sono state svariate le segnalazioni per chiedere interventi risolutivi. Sono svariati i gruppi di randagi che si muovono nel quartiere e che "accolgono" chi transita sin dalla "porta della bellezza", anche inseguendo auto e scooter.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così la consigliera di Catania 2.0 Francesca Ricotta ha presentato una interrogazione all'amministrazione comunale. "Visti i ripetuti casi di aggressione che nell’ultimo periodo si sono verificati all’ingresso e all’interno dell’ospedale San Marco e del Policlinico da parte di alcuni cani randagi a danno degli utenti e degli impiegati - dice Ricotta - a cui viene impedito di poter raggiungere le proprie autovetture chiediamo di conoscere come l'amministrazione voglia risolvere questa incresciosa questione per mettere in sicurezza i siti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva preso due aerei ed un taxi per tornare in Sicilia: morta 73enne

  • Coronavirus, ordinare a domicilio: la lista delle attività a Catania

  • Fanno la spesa, ma non possono pagare: due cittadini identificati

  • "A casa con febbre e tosse, ma nessun tampone", il racconto di un giornalista di CataniaToday

  • Coronavirus, al Garibaldi già dieci guariti con la terapia "combinata"

  • I casi positivi nella provincia di Catania sono 453 ( + 48): aumentano i ricoverati

Torna su
CataniaToday è in caricamento