Policlinico-Vittorio Emanuele, gara pubblica falsata: i nomi dei professionisti coinvolti

La guardia di finanza ha eseguito sei misure cautelari, su delega della procura di Catania, per turbata libertà degli incanti, corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio, istigazione alla corruzione, concussione e riciclaggio

Artefici principali della gara pubblica falsata, nonché destinatari della misura degli arresti domiciliari, sono:

- il Professor Giuseppe Morgia (del 1959), direttore dell’Unità Operativa Complessa di Urologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Policlinico- Vittorio Emanuele” di Catania;

- Massimiliano Tirri (del 1968), agente e responsabile commerciale della “C.Bua Srl.”, esercente l’attività di commercio all’ingrosso di prodotti medicali ed ortopedici, con sede legale a Bagheria (PA), rivenditore esclusivo in Sicilia, tra gli altri, dei prodotti della “Karl Storz Endoscopia Italia Srl” e della “Erbe Itaia Srl”.

Arrestato primario di urologia, professore Morgia

Inoltre, sono destinatari della sospensione dell’esercizio del pubblico servizio di medico ospedaliero e dell’attività di agenti di commercio per 12 mesi:

- Tommaso Massimo Castelli (del 1979), dirigente medico dell’equipe del Prof. Morgia;

- Antonino Di Marco (del 1962), rappresentante di prodotti sanitari operante nella provincia di Catania anche su commessa della “C.Bua Srl”;

- Maurizio Francesco La Gattola (del 1961), agente di prodotti sanitari e medicali, addetto alla vendita di prodotti della “Boston Scientific Spa” (avente sede a Milano ed esercente il commercio all’ingrosso di articoli medicali);

- Domenico Tramontana (del 1963), agente di prodotti farmaceutici e di erboristeria, district manager della “Omega Pharma Srl.”, avente sede legale a Cantù (CO), esercente l’attività di commercio all’ingrosso di articoli medicali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento