rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca

Racket dei parcheggiatori abusivi e atti intimidatori alla Sostare, Consoli: "Più controlli"

Dopo l'ultimo atto intimidatorio nei confronti della Sostare, l'assessore alla Polizia urbana Marco Consoli promette "più concentrazione", dopo le feste, "sulla lotta al racket dei posteggiatori abusivi" spiegando che, su mandato del sindaco di Catania Enzo Bianco, ha predisposto una serie di servizi di contrasto al fenomeno

Dopo l'ennesimo atto intimidatorio nei confronti della Sostare con una serie di danneggiamenti ai parcometri dell’azienda partecipata del Comune, da Palazzo degli Elefanti un altro tentativo per risolvere il problema

Già lo scorso anno il sindaco Bianco aveva invitato in segno di solidarietà alla riunione di Giunta svoltasi nel Palazzo degli elefanti il direttore di Sostare Giacomo Scarciofalo al quale avevano, infatti, incendiato l’auto. Allora il sindaco aveva dichiarato: "Qui non c’è il singolo criminale che ruba, qui c’è dietro un’organizzazione strutturata, c’è la sfida arrogante di chi pensa di poter controllare la città attraverso l’intimidazione. I Catanesi sapranno dimostrare che qui vige la legge e vogliamo che la legalità sia rispettata dappertutto. Avranno pane per i loro denti”.

E' passato oltre un anno e la situazione non è affatto cambiata. Anzi la maggior parte delle strade di Catania sono in balia del racket dei parcheggiatori abusivi. Di fronte agli ospedali o ai locali notturni. Spesso anche sulle strisce blu, come ci hanno segnalato i nostri lettori. La situazione più critica resta quella del Centro storico.

Dopo l'ultimo atto intimidatorio nei confronti della Sostare, l’assessore alla Polizia urbana Marco Consoli promette "più concentrazione", dopo le feste, "sulla lotta al racket dei posteggiatori abusivi" spiegando che, su mandato del sindaco di Catania Enzo Bianco, ha predisposto una serie di servizi di contrasto al fenomeno. “Innanzitutto – ha detto Consoli – abbiamo attivato la Centrale operativa del Corpo della Polizia Municipale affinché riceva le segnalazioni dei cittadini, che invitiamo a collaborare, e stili una mappa dettagliata della presenza dei parcheggiatori abusivi in città. E questo non tanto per interventi immediati ma per programmare operazioni apposite”.

“È stato predisposto inoltre – ha aggiunto l’Assessore –, di concerto con il comandate Pietro Belfiore e con il vice comandante Stefano Sorbino, un servizio che prevede l’incremento nei turni di mattina di tre pattuglie per sorvegliare l’area tra le piazze Spirito Santo, Gambino e Manganelli. Si tratta di tre luoghi in cui la rete dei posteggiatori abusivi sarebbe addirittura controllata da una organizzazione criminale, quella che potrebbe aver fatto saltare in aria i parcometri della Sostare”.

“Una strategia – ha concluso Consoli – che già lo scorso anno era stata attuata e che adesso è stata riproposta proprio quando il Comune, con Sostare e Amt, ha finalmente regolato il sistema dei parcheggi nel centro storico. Il racket degli abusivi ha visto in pericolo i propri interessi, ossia la possibilità di continuare a far pagare un obolo illegale ai cittadini, e ha reagito, come sempre, con la violenza. Ma da quando si è insediata, l’Amministrazione Bianco ha lanciato una sfida nei confronti di qualsiasi forma di illegalità, anche costituendosi parte civile nei processi di mafia, e gli atti intimidatori dei giorni scorsi non fermeranno la nostra azione di rigore ma, anzi, ci renderanno più combattivi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Racket dei parcheggiatori abusivi e atti intimidatori alla Sostare, Consoli: "Più controlli"

CataniaToday è in caricamento