Tecnis, la Cgil rassicura i lavoratori : "Per i pagamenti non ci sono impedimenti"

Il sindacato segnala che "rispetto alla questione relativa ai pagamenti, non ci sarebbero impedimenti formali da dover superare"

Sul caso Tecnis intervengono il segretario generale della Cgil Giacomo Rota, e il segretario della Fillea Cgil di Catania, Giovanni Pistorio. Il rappresentante dei lavoratori segnala che "pure rispetto alla questione relativa ai pagamenti in genere, non ci sarebbero impedimenti formali da dover superare".

"La nostra prima impressione è che l'amministratore straordinario Ruperto potrà proseguire e gestire l'azienda in piena autonomia. La sua azione non necessiterebbe di particolari autorizzazioni, e fatto salvo per quegli eventi che rivestirebbero il carattere di straordinarietà, l' amministrazione giudiziaria disposta dal Tribunale di Salerno sembrerebbe essere limitata al monitoraggio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Anche rispetto alle questioni legate al deposito dello stato passivo e alle relative procedure avviate dai lavoratori per ottenere il pagamento diretto delle tre mensilità da parte dell'Inps - continuano i vertici della Cgil - abbiamo verificato con i nostri legali che tutto rimane invariato. La cautela è d'obbligo ed è chiaro che ci si attiverà ai massimi livelli delle istituzioni coinvolte per i chiarimenti e per la pianificazione degli interventi necessari ed utili al proseguo delle attività. Siamo certi che le misure di prevenzione adottate non incideranno sulla procedura di insolvenza e sull'iter volto al recupero dei crediti maturati e non riscossi dei lavoratori. Dopo l'intervento della Dia abbiamo preferito essere cauti per non alimentare inutili allarmi tra i lavoratori, fornitori ed enti appaltanti i cui lavori sono in corso di esecuzione e molti dei quali ormai prossimi alla consegna. Continueremo, pertanto, a seguire l'evolversi della vicenda nella piena consapevolezza che l'azione della magistratura non potrà intaccare in alcun modo i diritti acquisiti ma solo a confermarli ulteriormente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Pensioni d’invalidità con la compiacenza di medici dell’Asp: sei misure cautelari

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento