PalaGalermo, Buceti: "Recuperato l'impianto sportivo vandalizzato"

"Da anni denuncio la triste parabola discendente che ha colpito il Pala Galermo da quando fu chiuso quasi dieci anni fa", precisa Buceti, consigliere della quarta municipalità

"Finalmente dopo anni di segnalazioni, conferenze dei servizi e incontri con le associazioni del territorio il recupero del Pala Galermo è diventato realtà". E' quanto annunciato dal consigliere della quarta municipalità Erio Buceti.

"Da anni denuncio la triste parabola discendente che ha colpito il Pala Galermo da quando fu chiuso quasi dieci anni fa. Senza adeguata vigilanza, la conseguenza inevitabile fu che ladri e vandali rubarono e distrussero qualsiasi cosa all’interno di uno dei più importanti impianti sportivi di Catania. Un luogo che in precedenza veniva utilizzato dalle società sportive di pallavolo e che, adesso, finito il cantiere, verrà consegnato ad altre federazioni sportive. Da qui deve cominciare un percorso virtuoso".

Linee guida già tracciate. Il consigliere ha chiesto alle istituzioni competenti di affidare il sito alle società di pallavolo, basket o di qualsiasi altro tipo di sport che avrebbero cura di creare qui un settore giovanile con i ragazzi del territorio tenendoli lontani dalle tentazioni della strada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In quartieri sempre in bilico tra riscatto e degrado come Trappeto Nord e San Nullo questo potrebbe rappresentare una svolta importante in termini di socializzazione e vivibilità. Ovviamente bisogna garantire nel Pala Galermo un sistema di vigilanza fisso e continuo per tutto l’arco del giorno e della notte e nei fine settimana. Fino a pochi mesi fa qui c’erano sono solo alcuni dipendenti comunali che vigilavano ogni giorno sull’area dalle 8 fino alle 14. Dal primo pomeriggio e fino al mattino del giorno successivo qui non c’è anima viva. Una manna per ladri e vandali che avevano campo libero tutta la notte con il risultato che, il mattino seguente, ai dipendenti che si presentano per cominciare il turno di lavoro, non restava altro da fare se non la solita denuncia contro ignoti al vicino comando dei carabinieri", conclude Buceti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento