Palagonia, gara clandestina tra auto alla "fast and furious": due denunciati

I carabinieri sono riusciti ad interrompere la folle corsa delle macchine e hanno proceduto al sequestro dei mezzi, nonché al ritiro delle patenti

Una corsa clandestina stile "fast and furious", con tanto di pubblico presente per filmare "l'impresa", è stata bloccata dai carabinieri della compagnia di Palagonia che hanno denunciato due 19enni per violazione delle norme del codice della strada.

Video | Le immagini della folla corsa

La folle corsa è avvenuta in piena notte sulla S.S. 385, precisamente al Km 30+500, dove due autovetture, una Fiat 500 Abarth di colore Bianco e una Fiat Punto di colore nero, si erano messe una di fianco all’altra con i motori accesi. A circa 500 metri vi era un gruppetto di giovani che con i loro smartphone sono pronti a riprendere la corsa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A vedere la scena, con le due auto che sulla statale andavano da Palagonia verso Caltagirone, che - valutando innanzitutto l’incolumità degli altri utenti della strada, nonché degli stessi giovani “piloti” - sono riusciti comunque ad interrompere la folle corsa delle due auto in gara.  Dopo aver identificato i due corridori, i militari hanno proceduto al sequestro delle autovetture, nonché al ritiro delle patenti di guida dei due 19enni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Coronavirus, numerose segnalazioni di gente in giro: immunità di gregge o incoscienza?

  • Coronavirus, sospeso avvio della stagione balneare

  • Covid-19, morto vigile del fuoco: anche il padre vittima del virus

  • Incidente stradale a Biancavilla, moto contro un palo: morto 19enne

  • La provincia di Catania raggiunge i 500 casi positivi (+14), Pogliese: "Stare a casa ora più che mai"

Torna su
CataniaToday è in caricamento