Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Palagonia

Palagonia, sequestrati beni per 500 mila euro a trafficante di droga

L'uomo era al vertice di un'organizzazione criminale dedita al traffico di sostanze stupefacenti. Sono stati sequestrati un ristorante, un bar-gelateria, autovetture, rapporti bancari e postali riconducibili ad Antonio Vinci e ai suoi familiari

La Direzione investigativa antimafia ha eseguito un decreto di sequestro e confisca di beni per un valore complessivo di circa cinquecento mila euro, nei confronti di Antonio Vinci al vertice di un'organizzazione criminale dedita al traffico di sostanze stupefacenti attivo nel territorio di Palagonia.

Sono stati sequestrati un ristorante, un bar-gelateria, autovetture, rapporti bancari e postali riconducibili a Vinci e ai suoi familiari, per un valore complessivo di circa 500 mila euro.

Le indagini svolte dalla Dia tra il 1991 e il 2009, finalizzate a rilevare la capacità reddituale di Vinci e del suo nucleo familiare, hanno permesso di identificare diversi cespiti patrimoniali che, benchè formalmente intestati a suoi prossimi congiunti, sono riconducibili alla sua effettiva titolarità.

Vinci era stato tratto in arresto nell'aprile del 2006, nell'ambito dell'operazione 'Good Year' eseguita dai carabinieri di Catania, per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacente, rivestendo nell'organizzazione il ruolo di promotore. Dalle indagini sono emersi collegamenti fra l'organizzazione e soggetti calabresi operanti nella Locride dai quali lo stesso si riforniva per l'acquisto di stupefacenti (cocaina ed eroina). Sulla base delle investigazione svolte il Tribunale di Caltagirone condannava Vinci alla pena di 24 anni di reclusione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palagonia, sequestrati beni per 500 mila euro a trafficante di droga

CataniaToday è in caricamento