Palasport Acireale, Regione risolve il nodo: rinegoziato il mutuo

Individuata la possibile soluzione affinché la struttura resti un bene pubblico

Individuata la possibile soluzione affinché il Palasport di Acireale resti un bene pubblico. Grazie alla sinergia tra il governo della Regione e l’Irfis, infatti, il Comune potrà rinegoziare l’originario mutuo a nuove e più vantaggiose condizioni, che gli consentiranno di restare proprietario della struttura. In questo modo, si eviterà che l’immobile possa essere messo all’asta, dopo il fallimento dell’azienda costruttrice e che aveva la concessione per la gestione trentennale, ormai scaduta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il Palasport di Acireale - evidenzia il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci - è un bene troppo importante per le ricadute economiche nel territorio del Catanese. Non potevamo assistere inermi, da un lato, al disfacimento di una preziosa risorsa e, dall’altro, al mancato recupero delle somme che l’amministrazione regionale, attraverso l’Irfis, ha concesso per la sua costruzione. La soluzione individuata garantisce i diritti di tutti e potrà assicurare un futuro positivo per l'hinterland etneo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva preso due aerei ed un taxi per tornare in Sicilia: morta 73enne

  • Coronavirus, in Sicilia 936 persone attualmente positive: a Catania sono 288

  • Coronavirus, ordinare a domicilio: la lista delle attività a Catania

  • Coronavirus, in Sicilia 1095 contagiati (+159), i morti a Catania sono 15

  • Fanno la spesa, ma non possono pagare: due cittadini identificati

  • "A casa con febbre e tosse, ma nessun tampone", il racconto di un giornalista di CataniaToday

Torna su
CataniaToday è in caricamento