Paletti dissuasori contro il parcheggio selvaggio in piazza Chiesa Madre

Piazza Chiesa Madre, infatti, è uno snodo nevralgico per il traffico dai paesi dell’hinterland, in entrata e in uscita da Catania, soffocato dalle auto parcheggiate in doppia fila e all’interno degli spazi pedonali

Paletti dissuasori per snellire il traffico ed evitare il parcheggio selvaggio in piazza Chiesa Madre a San Giovanni Galermo. E' quanto richiesto e messo in pratica da Giuseppe Zingale, vice presidente della circoscrizione "Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo”.

Piazza Chiesa Madre, infatti, è uno snodo nevralgico per il traffico dai paesi dell’hinterland, in entrata e in uscita da Catania, soffocato dalle auto parcheggiate in doppia fila e all’interno degli spazi pedonali. Per la gente diventava così praticamente impossibile camminare sui marciapiedi senza rischiare di essere investiti.

"A vuoto è caduto il nostro appello ai cittadini chiedendo loro una maggiore responsabilità civile. Stesso risultato - dice Zingale - con la richiesta e di un presidio fisso delle forze dell’ordine per scongiurare il parcheggio selvaggio. Auto, scooter e persino furgoni sostavano proprio davanti ai cancelli d’ingresso delle abitazioni e poco importava se c’era il cartello che indicava la presenza di un passo carraio. Si posteggiava il proprio mezzo, si andava a fare la spesa nei negozi del rione, il traffico sistematicamente si bloccava e la viabilità andava completamente in tilt. La conseguenza inevitabile erano le centinaia di proteste che sommergevano i nostri uffici municipali. Oggi i paletti non risolvono completamente i problemi del traffico in piazza Chiesa Madre ma rappresentano un segnale di vicinanza delle istituzioni ai cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento