Indagini su Borsellino, perquisita la casa del cronista Salvo Palazzolo

Le indagini sono state delegate ai carabinieri della procura etnea e a personale specializzato della polizia postale

La procura di Catania ha ordinato una perquisizione a casa del cronista di ''Repubblica' Salvo Palazzolo, che ha rivelato la chiusura dell'indagine sul depistaggio del pentito Vincenzo Scarantino sulla strage Borsellino. E' stato sequestrato un telefono cellulare ed eseguito un controllo del suo computer personale.

Palazzolo è indagato per rivelazione di notizie dopo l'articolo con il quale a marzo diede atto della chiusura dell'indagine sui poliziotti accusati di avere creato ad arte il pentito Vincenzo Scarantino nell'ambito della strage di via D'Amelio a Palermo. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore Carmelo Zuccaro e, sebbene sia indagato al momento soltanto Palazzolo, la competenza è radicata a Catania anche per la sola ipotesi che possa essere coinvolto un magistrato di Caltanissetta. Le indagini sono state delegate ai carabinieri della procura etnea e a personale specializzato della polizia postale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento