Cronaca

Ginecologi in pensione assunti a gettone per far fronte alla carenza di medici

E' quanto afferma Paolo Scollo, direttore della Ginecologia dell'ospedale Cannizzaro di Catania e past president della Società italiana di ginecologia e ostetricia

La cicogna in estate non va in ferie. "Lo sappiamo bene - afferma Paolo Scollo, direttore della Ginecologia dell'ospedale Cannizzaro di Catania e past president della Società italiana di ginecologia e ostetricia - per questo la programmazione si fa da inizio anno per garantire gli incastri che consentono di assicurare il servizio h24 alle pazienti e permettere ai ginecologi di andare in ferie. Certo, in questo periodo sarà necessario qualche sacrificio, anche perché i reparti di Ginecologia scontano una grave carenza di specialisti. Una situazione particolarmente difficile al Nord, dove per fare le guardie si stanno assumendo a gettone i pensionati".

"Si è passati da una pletora di ginecologi - racconta Scollo - che nei decenni passati rischiavano la disoccupazione, e sono stati costretti a spostarsi al Nord per cercare lavoro, a una drammatica carenza che ha colpito tutte le specialità, inclusa la nostra. Già adesso, secondo le stime, sono 8.000 gli specialisti in meno nel nostro Paese, che sconta una grandissima carenza di ginecologi". Nel mirino errori di programmazione che "si fanno sentire soprattutto in alcune regioni, e in alcune città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ginecologi in pensione assunti a gettone per far fronte alla carenza di medici

CataniaToday è in caricamento