Papino, la società avvia procedura di licenziamento per 83 lavoratori

I sindacati chiedono percorso alternativo per salvaguardare i livelli occupazionali e i diritti

Inviata in data odierna alle Organizzazioni Sindacali nota con la quale la Papino Elettrodomestici, società che opera nel settore del commercio al dettaglio di articoli eletrodomestici, comunica la volontà procedere al licenziamento di 83 dipendenti dislocati tra le province di Catania, Messina e Ragusa.

Dal 1979 la società ha affermato il suo ruolo di leadership nel mercato, diffondendosi capillarmente nei territori di Sicilia e Campania. Tuttavia, secondo quanto si evince dalla procedura inviata ai sindacati, la concorrenza dell'e-commerce ha sottratto all'azienda una fetta di mercato considerevole, causando di conseguenza forti ripercussioni sull'attività. "Già nel corso degli ultimi incontri - afferma Mimma Calabrò, Segretario Generale della Fisascat Cisl Sicilia - Papino aveva lamentato forti criticità causate dalla crisi che investe il settore ma si era resa comunque disponibile a individuare soluzioni alternative ai licenziamenti. La procedura, dunque, giunge come una doccia fredda per i lavoratori - continua la sindacalista - poichè non si riesce a comprendere per quale motivo, a distanza di meno di un mese dall'ultimo incontro, la società abbia assunto tale determinazione gettando nello sconforto e in confusione i lavoratori. Abbiamo già richiesto un incontro all’azienda per esperire l’esame congiunto - conclude la Calabrò - durante il quale chiederemo di tracciare ogni percorso alternativo che, scongiurando i licenziamenti, salvaguardi i livelli occupazionali e i diritti dei lavoratori"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento