Parcheggiatori abusivi: denunciati due recidivi

Grazie alla presenza di automobilisti indisciplinati, in via Sant’Euplio si era creato una sorta di "circolo vizioso di illegalità"

"L’attenzione del Questore di Catania al contrasto dei parcheggiatori abusivi non ha precedenti", scrive la Questura in un comunicato, "e il percorso che porta al ripristino della legalità quindi, non può finire in una, di per sé grave, denuncia penale nei confronti dei recidivi che violano i provvedimenti emessi a loro carico". Uno dei primi a scoprire ed assumersi le conseguenze della violazione del Dacur, il divieto di accesso alle aree urbane emesso dal Questore, è proprio il recidivo S.F. del 1973, il quale nonostante le numerose sanzioni, il Dacur, e la denuncia penale per la violazione dello stesso, ieri mattina è stato beccato dai poliziotti a esercitare la sua illecita attività in via Santa Maria La Grande. Nel pomeriggio di ieri inoltre è stato fermato G.G., del 1990, il quale “esercitava” la sua attività in via Sant’Euplio e in questa circostanza a pagare sono stati anche alcuni automobilisti. La via infatti era divenuta una sorta di "circolo vizioso di illegalità": gli automobilisti usufruendo dell’illecito servizio offerto dal parcheggiatore abusivo, parcheggiavano la propria auto non curandosi del rispetto delle regole e dei segnali stradali. la Sala Operativa ha per tanto richiesto l’intervento di personale della Polizia Municipale e della ditta Sostare per sanzionare gli eventuali automobilisti indisciplinati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento