rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Il Comune cerca associazioni per gestire il boschetto della Plaia ed altri parchi pubblici

L’amministrazione comunale ha pubblicato un avviso per ricercare organizzazioni del volontariato sociale che abbiano interesse a gestire, in funzione civica gratuita e in sinergia agli organi pubblici preposti, la sorveglianza dei parchi urbani

Affidare la custodia, la tutela e la salvaguardia del decoro ambientale del boschetto della Plaia e di altri parchi cittadini, ad associazioni e soggetti interessati a compartecipare con il Comune a una gestione ottimale della risorse verdi. L’amministrazione comunale ha pubblicato un avviso per ricercare organizzazioni del volontariato sociale che abbiano interesse a gestire, in funzione civica gratuita e in sinergia agli organi pubblici preposti, la sorveglianza dei parchi urbani. L’associazione affidataria del boschetto o del parco potrà utilizzare l’area per le proprie attività sociali o manifestazioni con finalità socio culturali, sportive, ricreative, educative senza scopo di lucro e usufruire degli spazi interni, realizzando se necessario anche strutture amovibili.

“Il boschetto della Plaia e gli altri parchi comunali sono una risorsa indispensabile che va tutelata collettivamente anche sotto il profilo della sicurezza-ha spiegato il sindaco Salvo Pogliese-. Nei mesi scorsi la sollecitazione verso questa impostazione era arrivata da diversi attori del terzo settore, disponibili a spendersi gratuitamente per custodire insieme a noi i beni ambientali. Nello scorso mese di settembre su proposta dell'allora assessore al verde Fabio Cantarella, lo abbiamo trasformato in atto di indirizzo della Giunta Municipale per l'attuazione, come obiettivo della dirigente del verde che gestirà la procedura nella massima trasparenza in sintonia all’assessore Andrea Barresi, che prosegue il lavoro avviato. E’ una modalità -ha aggiunto il primo cittadino- improntata al principio della sussidiarietà già sperimentata con buoni risultati in altre città che auspichiamo abbia successo anche a Catania, per una condivisione della tutela degli spazi verdi pubblici che è un bene pubblico imprenscindibile”.

Sono ammesse a presentare la manifestazione di interesse, secondo le indicazioni contenute nell'avviso pubblico della procedura comparativa pubblicata sul sito internet comunale, gli enti del Terzo settore anche in forma associata, ovvero gli enti privati costituiti per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale e che in attuazione del principio di sussidiarietà e in coerenza con i rispettivi statuti o atti costitutivi, promuovono e realizzano attività di interesse generale mediante forme di azione volontaria e gratuita o di mutualità iscritti agli specifici registri ai sensi di legge. Le aree a verde che il Comune per la tutela in collaborazione del terzo settore sono il boschetto della plaia (28,2 ettari) il parco Gioeni (8,5 h), il bastione degli Infetti, il parco Fenoglietti (0,5 h) e il parco degli Ulivi(3,5 h). L’invio della domanda dovrà avvenire mediante posta elettronica certificata al seguente indirizzo: comune.catania@pec.it entro il trentesimo giorno dalla pubblicazione avvenuta il 7 dicembre 2021. L'avviso pubblico è firmato dalla dirigente del verde Marina Galeazzi. Responsabile del procedimento amministrativo è il geometra comunale Salvo Longo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune cerca associazioni per gestire il boschetto della Plaia ed altri parchi pubblici

CataniaToday è in caricamento