Parchi cittadini abbandonati, Parisi chiede aiuto ai privati per riqualificarli

Il presidente della commissione comunale al Bilancio, chiede di attivare i project financing con l’intervento dei privati per ridare lustro ai parchi pubblici

Parchi vandalizzati, lasciati in balia di ladri e delinquenti. Oggi molti spazi verdi del capoluogo etneo si trovano in queste condizioni: Parco Lizzio, Fenoglietti, Degli Ulivi, Spina, Monte Po, Gioeni e molti altri. Il comune non ha i fondi necessari per assicurare l’adeguata vigilanza attraverso l’istallazione di un impianto di videosorveglianza efficace. Per queste ragioni Vincenzo Parisi, presidente della commissione comunale al Bilancio, chiede con forza al Sindaco Bianco di attivare sui parchi e sui principali luoghi di aggregazione di Catania i project financing con l’intervento dei privati: a loro gli oneri per la manutenzione ordinaria e straordinaria, alla città l’onore di avere finalmente strutture in perfette condizioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I risultati ottenuti finora su piazza Abramo Lincoln oppure al boschetto della Plaia con il “Liotru Adventure Park” sono sotto gli occhi di tutti. Perchè allora non fare la stessa cosa in molti altri spazi cittadini completamente distrutti dai vandali? Modelli di operatività dove la riqualificazione passa da una forte collaborazione tra pubblico e privato. Questo può servire a soddisfare i fabbisogni della collettività. Negli ultimi anni i semplici appelli al senso civico della gente non sono bastati perché molti punti di aggregazione e socializzazione, appena cala il buio, diventano territorio esclusivo dei teppisti che rubano, distruggono e danneggiano l’arredo urbano. Il mattino seguente- prosegue Parisi- alle famiglie non resta altro da fare se non la conta dei danni e al comune di porre rimedio ai raid vandalici. Fenomeni che si ripetono di continuo e costano alle casse comunali centinaia di migliaia di euro ogni anno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento