menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parco Fenoglietti distrutto dai vandali, Mirenda chiede un intervento del Comune

Un'area che in passato è stata chiusa per mesi, circa quattro anni fa, a causa del furto dei tombini e del rame dall'impianto elettrico e per i bagni distrutti per ben quattro volte

Un’area verde completamente in mano ai vandali, in cui i ragazzi vengono a giocare perchè non hanno altro posto dove andare. Il parco Fenoglietti di via Aurora, a pochi passi da piazza Risorgimento, avrebbe bisogno di un completo restyling ma, prima ancora, di un’opera di vigilanza costante per evitare che i delinquenti possano causare ancora danni all’arredo urbano. 

Lo denuncia il consigliere comunale Maurizio Mirenda, che ha raccolto le segnalazioni degli abitanti della zona, che sottolineano come il parco sia completamente abbandonato e in mano a gruppetti di delinquenti.

“Personaggi che - spiega Mirenda - uno dopo l’altro, stanno letteralmente distruggendo i pali della luce. La conseguenza inevitabile è un’area quasi completamente al buio già dal tardo pomeriggio con tutte le conseguenze che sono facilmente immaginabili. Eppure il piano di recupero del parco Fenoglietti è stato ultimato a dicembre del 2015 con l’obiettivo di restaurare un punto di aggregazione per tutto il quartiere. Oggi di verde questo impianto conserva ben poco e la realtà quotidiana parla di un immenso cassonetto a cielo aperto dove poterci abbandonare di tutto".

Un quadro della situazione drammatico e confermato anche da molte famiglie che evitano la zona per non fare brutti incontri. Una porta d’acciaio del bagno è stata persino sfondata. "L’ennesimo segnale -continua Mirenda - di come qui manchino i controlli delle forze dell’ordine. La videosorveglianza c’è, almeno all’apparenza, ma si teme che telecamere ed obiettivi siano solo di facciata perchè, tra arredo urbano e giochi per bambini, non resta in piedi quasi niente. Gli abitanti dai palazzi circostanti non vogliono nemmeno affacciarsi dai balconi per non essere costretti ad ammirare uno spettacolo penoso. Per tutte queste ragioni chiedo al sindaco  di attivarsi in tutti i modi per potenziare i controlli all’interno del parco. Un’area che in passato è stata chiusa per mesi, circa quattro anni fa, a causa del furto dei tombini e del rame dall’impianto elettrico e per i bagni distrutti per ben quattro volte".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento