Parco Zammataro abbandonato, Campisi: "Meglio affidarlo ai cittadini"

Per il consigliere "serve un piano di manutenzione costante che possa restituire questi luoghi alle famiglie del territorio"

Sul parco “Don Giuseppe Zammataro” e in molte altre aree verdi dei quartieri di Barriera e Canalicchio serve un piano di manutenzione costante che possa restituire questi luoghi alle famiglie del territorio. I consiglieri della II municipalità Alessandro Campisi e Adriana Patella in questi ultimi mesi hanno raccolto gli appelli delle associazioni e dei comitati cittadini.

“Concentrare le poche risorse ed i mezzi che il comune ha a disposizione - spiega Campisi- su un progetto che prevede esclusivamente manutenzioni a macchia di leopardo non ha senso. Più utile sarebbe, invece, avviare un progetto di cittadinanza attiva dove la gente del territorio potrebbe fare propria la struttura curandola e proteggendola dai teppisti mentre i commercianti della zona, attraverso sgravi fiscali o sponsorizzazioni, potrebbero accollarsi i costi derivanti dalla pulizia della verde e dalla manutenzione dell’arredo urbano”.

Parco Zammataro paga un grosso prezzo in termini di sicurezza e vivibilità. Le famiglie qui si vedono sempre meno perché tra buche, avvallamenti dei percorsi pedonali e cocci di vetro sparsi ovunque si rischia di farsi male in ogni momento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Nel parco Zammataro manca una bambinopoli degna di questo nome e va assolutamente potenziata la pubblica illuminazione - spiega la consigliera Adriana Patella- una lunga lista di carenze che non fanno altro che generare abbandono e degrado. In questo contesto teppisti e ladri hanno gioco facile e l’intera collettività chiede maggiori controlli. Molte piazze e lo stesso parco Gioeni spesso finiscono nel mirino dei vandali perché manca la vigilanza e questo provoca decine di proteste da parte dei cittadini che letteralmente sommergono i nostri uffici di richieste”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento