rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Anche la Caritas aiuterà gli occupanti della cattedrale: pasti caldi per tutti

La decisione di accogliere le famiglie è giunta dopo il fallimento di tutti i tentativi per creare un tavolo d'intesa

In seguito al protrarsi della protesta di diverse famiglie che chiedono una casa e un lavoro protestando al duomo di Catania, da ieri sera, martedì 5 dicembre, l’arcivescovo Salvatore Gristina e il parroco Barbaro Scionti hanno deciso di riaprire le porte della Cattedrale, ripristinando così il consueto orario di apertura e di chiusura. Anche la Caritas Diocesana tramite l'unità di strada, che gestisce il servizio itinerante e quotidiano di consegna del cibo per i senzatetto della città, assisterà le persone ospitate all'interno della Basilica, offrendo ogni sera circa 20 pasti caldi con primo, secondo, contorno e frutta.

La decisione di accogliere le famiglie è giunta in seguito a un confronto con Prefettura e amministrazione comunale, dopo il fallimento di tutti i tentativi per creare un tavolo d'intesa. La Caritas Diocesana, che ha monitorato e seguito la protesta sin dai primi giorni, si è pertanto mossa auspicando che questa situazione possa trova una soluzione in tempi brevi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche la Caritas aiuterà gli occupanti della cattedrale: pasti caldi per tutti

CataniaToday è in caricamento