Paternò, in carcere donna affiliata al clan Morabito-Rapisarda

Nei confronti della donna è stato emesso un ordine di carcerazione dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte D'Appello di Catania

I Carabinieri della Stazione di Paternò hanno arrestato Lucia Immacolata Marici, 29enne sorvegliata speciale di Pubblica Sicurezza, ritenuta vicina al clan  Morabito-Rapisarda. Nei confronti della donna è stato emesso un ordine di carcerazione dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte D’Appello di Catania.

La donna, già arrestata dai Carabinieri durante l’Operazione “Baraonda” nel 2011, dovrà espiare la pena residua di 1 anno, 3 mesi e 5 giorni poiché responsabile del reato di associazione a delinquere di stampo mafioso, commesso tra maggio 2004 e agosto 2011 a Paternò. L’arrestata, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stata tradotta nel carcere di Piazza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento