Paternò: ragazzo "sequestrato" con la sua auto da due coetanei

Un ragazzo è stato "sequestrato" con la sua auto da due malviventi di Paternò - che conosceva superficialmente- e costretto a gironzolare e a subire le loro minacce: i due sono stati arrestati per con l'accusa è di estorsione in concorso

Nel primo pomeriggio di venerdi scorso, un ragazzo è stato "sequestrato" con la sua auto da due malviventi di Paternò - che conosceva superficialmente- e costretto a gironzolare e a subire le loro minacce. I due aguzzini, infatti, sono saliti nell'auto della vittima con la scusa di voler essere accompagnati a comprare le sigarette. A seguire, le minacce: gli fanno credere di avere una pistola e lo costringono a fare da autista per diverse ore.

Poi, lo lasciano andare e il malcapitato si presenta ai militari dell'Arma per denunciare l'accaduto. L'accusa è di estorsione in concorso, anche se non c'è stata alcuna estorsione di denaro o altro. I due paternesi, di 24 e 21 anni, sono stati arrestati: il magistrato ha ritenuto il loro comportamento più grave della semplice violenza privata.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento