Mafia, operazione Padrini: la Dia confisca beni per 500 mila euro

La Dia di Catania ha eseguito a Paternò la confisca del patrimonio riconducibile a Rosario Sinatra, già condannato per mafia a 19 anni e 8 mesi di reclusione, in quanto appartenente al clan mafioso "Santapaola-Ercolano"

La Dia di Catania ha eseguito a Paternò la confisca del patrimonio riconducibile a Rosario Sinatra, già condannato per mafia a 19 anni e 8 mesi di reclusione, in quanto appartenente al clan mafioso "Santapaola-Ercolano" nell'ambito dell'operazione ''Padrini''.

Il patrimonio confiscato ha un valore complessivo di circa 500.000 euro. La proposta di sequestro era stata inoltrata dalla Procura della Repubblica di Catania su indagini ed accertamenti patrimoniali svolti dal Centro Operativo di Catania. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento